Multifunzioni e stampanti UTAX

18/09/2018


OK MAGAZINE
Smart working, tutto quello che c’è da sapere sul lavoro da remoto

Smart working, tutto quello che c’è da sapere sul lavoro da remoto

Il lavoro agile o smart working è la nuova frontiera della gestione degli spazi e delle risorse in azienda. Scopri come funziona, le normative che lo regolamentano e gli studi sui suoi effetti.

Lo smart working è un fenomeno in continua crescita sia in Europa che in Italia, dove sono più di 300 mila persone che operano adottando questa nuova modalità. A rendere noto questo dato è stato l’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano, secondo cui il cambio di metodologia riguarda soprattutto le grandi aziende con il 36% di realtà che hanno già avviato progetti di lavoro agile con orari e spazi di lavoro più flessibili.

competitività obiettivi lavoro agile

Cos’è lo smart working

Come riportato nella legge 81 del 22 maggio 2018, lo smart working è stato pensato “allo scopo di incrementare la competitività e agevolare la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro” concedendo ai dipendenti la possibilità di svolgere le proprie attività lavorative in parte all'interno dei locali aziendali e in parte all'esterno senza una postazione fissa, entro i soli limiti di durata massima dell'orario di lavoro giornaliero e settimanale. Con il termine smart working o “lavoro agile”, si intende dunque una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato con forme di organizzazione per fasi, cicli e obiettivi che non implica precisi vincoli di orario o di luogo di lavoro, grazie all’ausilio di strumenti tecnologici (come internet e applicativi per stampare da remoto o archiviare in cloud) che rendano possibile lo svolgimento dell'attività lavorativa.

In questo modo il lavoro agile rappresenta il mezzo ideale per la valorizzazione del rapporto di fiducia con il lavoratore, in quanto la flessibilità sul luogo e il minor controllo sul tempo dedicato alla prestazione portano a una conseguente valorizzazione degli obiettivi. Con l’adozione di questa nuova modalità di esecuzione del lavoro, infatti, il dipendente lavora per obiettivi venendo valutato per la qualità della sua prestazione e per la capacità di portare a termine i compiti assegnati nei tempi stabiliti.

obiettivi smart working

I benefici dello smart working

Secondo i risultati ottenuti dalla ricerca condotta in Italia da IWG, gruppo di aziende fornitrici di spazi di lavoro flessibile, tra cui Regus e Spaces, lo smart working rappresenta la chiave vincente per aumentare la produttività dei dipendenti. Circa l’80% degli intervistati ha infatti dichiarato che lavorare in luoghi diversi dal classico ufficio influisce in maniera positiva sulla produttività rendendo il lavoratore più soddisfatto del proprio operato.

D’altro canto, le aziende possono trarre grandi benefici da questa nuova modalità di esecuzione del lavoro. Lo smart working comporta minori costi di gestione offrendo la possibilità di impiegare le proprie risorse nella crescita aziendale: tra gli aspetti positivi del lavoro fuori sede c’è infatti l’ottimizzazione dei costi, la riduzione dei tempi improduttivi legati al pendolarismo e un minor rischio legato agli investimenti iniziali nel caso di start up o neo-imprese. Da non trascurare è anche la soddisfazione del dipendente che, riuscendo a dedicare più tempo alle proprie questioni personali e familiari, risulta più propenso ad affrontare il lavoro con la giusta grinta e competitività.

smart working dipendente soddisfatto

Il valido aiuto della tecnologia

Senza tecnologia lo smart working non potrebbe esistere. Internet, computer, piccoli device, software gestionali e applicativi per stampare sulle multifunzione da remoto rappresentano la vera essenza del telelavoro che permette di svolgere tutte le attività lavorative senza presenziare in azienda. Ciò che serve sono degli strumenti in grado di garantire una buona connessione tra persone, documenti e dati aziendali, oltre a soluzioni di archiviazione documentale che rendano la condivisione di questi ultimi più sicura e semplice.

Se la tua azienda è già attiva sul fronte dello smart working o è interessata a intraprenderlo, rivolgiti a noi per scoprire tutte le soluzioni di stampa e di archiviazione documentale che abbiamo da offrirti per rendere questa nuova esperienza ancora più efficace.

23/07/2018

Sei un rivenditore?


Visita Ok Magazine - il blog dedicato alla tua attività commerciale


Iscriviti alla newsletter


Resta informato sulle novità dal mondo dell’ufficio


In evidenza


GDPR, tutto sul nuovo regolamento europeo sulla privacy

GDPR, tutto sul nuovo regolamento europeo sulla privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la nuova normativa sulla protezione dei dati personali, ma nove aziende su dieci non si sono ancora adeguate.


In questo numero


Utax Fleet Manager, lo strumento che rivoluzionerà l’assistenza tecnica

È arrivato il nuovo servizio Utax Fleet Manager che consente di monitorare le macchine UTAX e non ...[continua]


È finalmente pronto l’adeguamento italiano del GDPR

Ormai non ci sono più scuse, anche l’Italia è pronta per applicare le nuove disposizioni sulla ...[continua]


Sostenibilità ambientale, come si stanno adeguando i sistemi di stampa

Riciclo, risparmio energetico e riduzione delle emissioni. In che modo i sistemi di stampa stanno ...[continua]


Utax Social


18/09/2018 OK MAGAZINE Smart working, tutto quello che c’è da sapere sul lavoro da remoto Il lavoro agile o smart working è la nuova frontiera della gestione degli spazi e delle risorse in azienda. Scopri come funziona, le normative che lo regolamentano e gli studi sui suoi effetti. Condividi Lo smart working è un fenomeno in continua crescita sia in Europa che in Italia, dove sono più di 300 mila persone che operano adottando questa nuova modalità. A rendere noto questo dato è stato l’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano, secondo cui il cambio di metodologia riguarda soprattutto le grandi aziende con il 36% di realtà che hanno già avviato progetti di lavoro agile con orari e spazi di lavoro più flessibili. Cos’è lo smart working Come riportato nella legge 81 del 22 maggio 2018, lo smart working è stato pensato “allo scopo di incrementare la competitività e agevolare la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro” concedendo ai dipendenti la possibilità di svolgere le proprie attività lavorative in parte all'interno dei locali aziendali e in parte all'esterno senza una postazione fissa, entro i soli limiti di durata massima dell'orario di lavoro giornaliero e settimanale. Con il termine smart working o “lavoro agile”, si intende dunque una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato con forme di organizzazione per fasi, cicli e obiettivi che non implica precisi vincoli di orario o di luogo di lavoro, grazie all’ausilio di strumenti tecnologici (come internet e applicativi per stampare da remoto o archiviare in cloud) che rendano possibile lo svolgimento dell'attività lavorativa. In questo modo il lavoro agile rappresenta il mezzo ideale per la valorizzazione del rapporto di fiducia con il lavoratore, in quanto la flessibilità sul luogo e il minor controllo sul tempo dedicato alla prestazione portano a una conseguente valorizzazione degli obiettivi. Con l’adozione di questa nuova modalità di esecuzione del lavoro, infatti, il dipendente lavora per obiettivi venendo valutato per la qualità della sua prestazione e per la capacità di portare a termine i compiti assegnati nei tempi stabiliti. I benefici dello smart working Secondo i risultati ottenuti dalla ricerca condotta in Italia da IWG, gruppo di aziende fornitrici di spazi di lavoro flessibile, tra cui Regus e Spaces, lo smart working rappresenta la chiave vincente per aumentare la produttività dei dipendenti. Circa l’80% degli intervistati ha infatti dichiarato che lavorare in luoghi diversi dal classico ufficio influisce in maniera positiva sulla produttività rendendo il lavoratore più soddisfatto del proprio operato. D’altro canto, le aziende possono trarre grandi benefici da questa nuova modalità di esecuzione del lavoro. Lo smart working comporta minori costi di gestione offrendo la possibilità di impiegare le proprie risorse nella crescita aziendale: tra gli aspetti positivi del lavoro fuori sede c’è infatti l’ottimizzazione dei costi, la riduzione dei tempi improduttivi legati al pendolarismo e un minor rischio legato agli investimenti iniziali nel caso di start up o neo-imprese. Da non trascurare è anche la soddisfazione del dipendente che, riuscendo a dedicare più tempo alle proprie questioni personali e familiari, risulta più propenso ad affrontare il lavoro con la giusta grinta e competitività. Il valido aiuto della tecnologia Senza tecnologia lo smart working non potrebbe esistere. Internet, computer, piccoli device, software gestionali e applicativi per stampare sulle multifunzione da remoto rappresentano la vera essenza del telelavoro che permette di svolgere tutte le attività lavorative senza presenziare in azienda. Ciò che serve sono degli strumenti in grado di garantire una buona connessione tra persone, documenti e dati aziendali, oltre a soluzioni di archiviazione documentale che rendano la condivisione di questi ultimi più sicura e semplice. Se la tua azienda è già attiva sul fronte dello smart working o è interessata a intraprenderlo, rivolgiti a noi per scoprire tutte le soluzioni di stampa e di archiviazione documentale che abbiamo da offrirti per rendere questa nuova esperienza ancora più efficace. Condividi Tags: tecnologia lavoro ufficio 23/07/2018 Sei un rivenditore? Visita Ok Magazine - il blog dedicato alla tua attività commerciale Iscriviti alla newsletter Resta informato sulle novità dal mondo dell’ufficio Email Inserita Correttamente    In evidenza GDPR, tutto sul nuovo regolamento europeo sulla privacy A partire dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la nuova normativa sulla protezione dei dati personali, ma nove aziende su dieci non si sono ancora adeguate. In questo numero Utax Fleet Manager, lo strumento che rivoluzionerà l’assistenza tecnica È arrivato il nuovo servizio Utax Fleet Manager che consente di monitorare le macchine UTAX e non ...[continua] È finalmente pronto l’adeguamento italiano del GDPR Ormai non ci sono più scuse, anche l’Italia è pronta per applicare le nuove disposizioni sulla ...[continua] Sostenibilità ambientale, come si stanno adeguando i sistemi di stampa Riciclo, risparmio energetico e riduzione delle emissioni. In che modo i sistemi di stampa stanno ...[continua] [visualizza l'archivio notizie] Utax Social function mostraOK() { document.getElementById("ii").style.display="none"; document.getElementById("mail").style.display="none"; document.getElementById("ok").style.display="block"; }