Multifunzioni e stampanti UTAX

18/05/2022


Orange Monday

lA BLOCKCHAIN

lA BLOCKCHAIN

COS'E' E A COSA SERVE UN REGISTRO DISTRIBUITO

ASCOLTA IL NOSTRO PODCAST - BLOCKCHAIN

PODCAST UI - BLOCKCHAIN.mp3

Hai sentito nominare il termine blockchain ma non ti è chiaro di cosa si tratta, a cosa serve e come funziona? Tranquillo, sei in buona compagnia!

E’ complesso raccontare cos’è la tecnologia blockchain, a cosa serve e come usarla in un solo post. Tuttavia è possibile fare un po’ di chiarezza.

Proviamo a rispondere alla prima domanda: cos’è la blockchain?

La blockchain è qualcosa di simile a Twitter: un registro di brevi messaggi consecutivi.

Le peculiarità che distinguono la blockchain sono:

 

  • Assenza di intermediari; nessuna società la gestisce
  • Chiunque può inviare messaggi, anche senza essere registrato.
  • Non è censurabile.
  • E’ immutabile: nessuno può cancellare o modificare né i propri contenuti né quelli di altri
  • Delocalizzata: la blockchain non si trova su un server in un luogo specifico ma è distribuita su migliaia di server in tutto il mondo

 

A questo punto una domanda sorge spontanea: mancando un’autorità centrale che funga da intermediario, e dato che tutti hanno facoltà di aggiungere contenuti, come si crea la fiducia tra gli utenti, e come si garantisce?

Questo è esattamente il punto nodale della questione.

L’inventore della blockchain si chiama Satoshi Nakamoto. Pseudonimo di uno scienziato o gruppo di scienziati che ha creato e introdotto il protocollo di consenso, cioè l’algoritmo che garantisce in blockchain, che il sistema funzioni a garanzia di ogni utilizzatore. Tramite il protocollo di consenso, le transazioni per essere accettate in blockchain vengono verificate tramite complessi calcoli matematici e i validatori (o miner) sono premiati per rispettare le regole. Ad esempio, cercare di falsificare un dato comporterebbe la perdita di molto denaro, che è la posta che il miner deve mettere sul piatto, per poter operare come tale in blockchain.

 

A cosa serve la blockchain?

1) SCAMBIARE VALORE

Trasferire una proprietà di un bene fisico o virtuale: ad esempio le criptomonete. Se voglio trasferire denaro tramite blockchain lo faccio gratuitamente e senza i tempi dell’intermediario banca. L’operazione è tracciata e non reversibile. Il sistema ricorda il trasferimento di contante ma è digitale, quindi trasferibile anche a distanza. La blockchain si definisce anche Internet of Value.

Tutto questo meccanismo ricorda un po’il funzionamento di Internet. Allo stesso modo in cui Internet permette di trasferire informazioni tra due persone nel mondo, la blockchain permette lo scambio di valore tra utenti connessi alla rete, a bassi costi e in tempo reale. 

Le sue caratteristiche rendono inoltre lo scambio di valore programmabile. Ovvero tramite dei software e dei sistemi simili agli web-service si possono scrivere dei programmi per gestire i trasferimenti automatici e qui entrano in gioco gli Smart Contract.

 

2 - SMART CONTRACT

Molte assicurazioni stanno portando il loro business su piattaforme blockchain.

Ecco un esempio concreto: acquisti un biglietto aereo da Milano a Roma corredato da un’assicurazione sul volo.

Se il volo arriva in ritardo di un’ora hai diritto al rimborso completo del biglietto aereo. Queste informazioni vengono scritte in blockchain.

I soldi per la compagnia aerea verranno sbloccati e messi a disposizione della compagnia solo se il volo ha rispettato gli orari stabiliti, entro il ritardo indicato nelle condizioni assicurative. Se il ritardo supera l’ora, il denaro torna all’acquirente.

Lo SMART CONTRACT è dunque un programma informatico scritto in blockchain che garantisce la corretta esecuzione del contratto.

Ma perché uno Smart Contract non può essere modificato o annullato? Semplice, perché la sua copia è presente su tutti i nodi della blockchain.

Per essere più chiari… è come prendere un contratto, farn 1000 copie e distribuirle a 1000 persone diverse. Se ne modificassi uno, tutti gli altri si accorgerebbero che uno è stato manomesso e renderebbero invalida l’operazione. Sarebbe impossibile manomettere tutti e 1000 i contratti contemporaneamente, giusto?

Questo è il concetto di registro distribuito.

 

3 - NOTARIZZAZIONE

Oltre a trasferire denaro digitale e a gestire gli smart contract la blockchain serve anche a conferire paternità a un documento.

Registrare un’opera di ingegno, un contratto, un certificato, un qualsiasi documento in blockchain ci dà garanzia assoluta che questo documento, per la stessa natura della blockchain diventa:

  • immodificabile: non può essere corrotto o manomesso
  • originale: il documento esiste ed è notarizzato e può essere ritrovato attraverso un codice che ci viene consegnato all’atto della registrazione, l’hash.
  • paternità certa: il documento è di chi l’ha registrato in blockchain

I documenti notarizzati in blockchain hanno effetto probatorio agli effetti della legge Italiana a seguito del Decreto Semplificazioni 2019 che riconosce i registri distribuiti e li definisce ed evidenzia come “l’utilizzo di tecnologie basate su blockchain produce gli effetti giuridici della validazione temporale elettronica di cui all’art. 41 del Regolamento UE n. 910/2014.”

Facciamo un esempio concreto: se devo dimostrare l’originalità di un contratto che la controparte ho manomesso, e questo contratto è stato notarizzato in blockchain alla sua emissione, per il giudice sarà semplice darmi ragione. Basterà ricercare in internet l’hash con cui il documento originale è stato registrato in blockchain per averne una copia esatta. A questo punto l’originale è certamente quello legato all’hash, e il documento modificato non ha alcun valore.

 

immagine blockchain

Dove sono scritte le transazioni che avvengono sulla blockchain?

Su un registro:

  • pubblico: chiunque lo può consultare
  • distribuito: come le 1000 copie del nostro Smart Contract di cui sopra
  • immutabile:nessuno può cancellare le transazioni già scritte
  • incorruttibile: nessuno può modificare né corrompere la transazione

Nota bene: il tutto avviene senza necessità di passare tramite una banca o un intermediario che garantisca e certifichi le transazioni. Lo scambio di valore può avvenire direttamente tra due soggetti qualsiasi.

 

STAMPA CON NOTARIZZAZIONE IN BLOCKCHAIN

Utax ha sviluppato, in partnership con un’azienda leader nel settore ID-Rfid, il primo multifunzione in grado di generare documenti notarizzati in blockchain all'atto della stampa. Restate sintonizzati perché vi racconteremo tutti i dettagli molto presto!

19/04/2022

Sei un rivenditore?


Visita Ok Magazine - il blog dedicato alla tua attività commerciale


CERCA ARTICOLI


Iscriviti alla newsletter


Resta informato sulle novità dal mondo dell’ufficio


In evidenza


UIPLAN: ORGANIZZAZIONE DIGITALE PER LA P.M.I.

UIPLAN: ORGANIZZAZIONE DIGITALE PER LA P.M.I.

Un'unica piattaforma per gestire il personale, organizzare il lavoro, prenotare le risorse condivise, scambiarsi file di grandi dimensioni, schedulare scadenze.


DIGITALIZZAZIONE DELLE PICCOLE MEDIE IMPRESE

DIGITALIZZAZIONE DELLE PICCOLE MEDIE IMPRESE

Cosa significa digitalizzare e quali sono i vantaggi per una piccola media impresa


GESTIRE IL PERSONALE NELLE P.M.I.

GESTIRE IL PERSONALE NELLE P.M.I.

Digitalizzare la gestione delle risorse umane è fondamentale. I vantaggi di una piattaforma in cloud per le P.M.I.


In questo numero


IL SOLE 24 ORE INTERVISTA UI INNOVATION

Il Sole 24 Ore intervista il Direttore Generale di Ui Innovation Stefano Balsamo sul tema della ...[continua]


LE ABILITA' PIU' RICHIESTE NEL MONDO DEL LAVORO

Il trend attuale identifica alcune abilità che vengono valutate con molta attenzione dai datori di ...[continua]


UIPLAN: ORGANIZZAZIONE DIGITALE PER LA P.M.I.

Un'unica piattaforma per gestire il personale, organizzare il lavoro, prenotare le risorse ...[continua]


DIGITALIZZAZIONE DELLE PICCOLE MEDIE IMPRESE

Cosa significa digitalizzare e quali sono i vantaggi per una piccola media impresa[continua]


Utax Social


18/05/2022 Orange Monday lA BLOCKCHAIN COS'E' E A COSA SERVE UN REGISTRO DISTRIBUITO Condividi ASCOLTA IL NOSTRO PODCAST - BLOCKCHAIN PODCAST UI - BLOCKCHAIN.mp3 Hai sentito nominare il termine blockchain ma non ti è chiaro di cosa si tratta, a cosa serve e come funziona? Tranquillo, sei in buona compagnia! E’ complesso raccontare cos’è la tecnologia blockchain, a cosa serve e come usarla in un solo post. Tuttavia è possibile fare un po’ di chiarezza. Proviamo a rispondere alla prima domanda: cos’è la blockchain? La blockchain è qualcosa di simile a Twitter: un registro di brevi messaggi consecutivi. Le peculiarità che distinguono la blockchain sono:   Assenza di intermediari; nessuna società la gestisce Chiunque può inviare messaggi, anche senza essere registrato. Non è censurabile. E’ immutabile: nessuno può cancellare o modificare né i propri contenuti né quelli di altri Delocalizzata: la blockchain non si trova su un server in un luogo specifico ma è distribuita su migliaia di server in tutto il mondo   A questo punto una domanda sorge spontanea: mancando un’autorità centrale che funga da intermediario, e dato che tutti hanno facoltà di aggiungere contenuti, come si crea la fiducia tra gli utenti, e come si garantisce? Questo è esattamente il punto nodale della questione. L’inventore della blockchain si chiama Satoshi Nakamoto. Pseudonimo di uno scienziato o gruppo di scienziati che ha creato e introdotto il protocollo di consenso, cioè l’algoritmo che garantisce in blockchain, che il sistema funzioni a garanzia di ogni utilizzatore. Tramite il protocollo di consenso, le transazioni per essere accettate in blockchain vengono verificate tramite complessi calcoli matematici e i validatori (o miner) sono premiati per rispettare le regole. Ad esempio, cercare di falsificare un dato comporterebbe la perdita di molto denaro, che è la posta che il miner deve mettere sul piatto, per poter operare come tale in blockchain.   A cosa serve la blockchain? 1) SCAMBIARE VALORE Trasferire una proprietà di un bene fisico o virtuale: ad esempio le criptomonete. Se voglio trasferire denaro tramite blockchain lo faccio gratuitamente e senza i tempi dell’intermediario banca. L’operazione è tracciata e non reversibile. Il sistema ricorda il trasferimento di contante ma è digitale, quindi trasferibile anche a distanza. La blockchain si definisce anche Internet of Value. Tutto questo meccanismo ricorda un po’il funzionamento di Internet. Allo stesso modo in cui Internet permette di trasferire informazioni tra due persone nel mondo, la blockchain permette lo scambio di valore tra utenti connessi alla rete, a bassi costi e in tempo reale.  Le sue caratteristiche rendono inoltre lo scambio di valore programmabile. Ovvero tramite dei software e dei sistemi simili agli web-service si possono scrivere dei programmi per gestire i trasferimenti automatici e qui entrano in gioco gli Smart Contract.   2 - SMART CONTRACT Molte assicurazioni stanno portando il loro business su piattaforme blockchain. Ecco un esempio concreto: acquisti un biglietto aereo da Milano a Roma corredato da un’assicurazione sul volo. Se il volo arriva in ritardo di un’ora hai diritto al rimborso completo del biglietto aereo. Queste informazioni vengono scritte in blockchain. I soldi per la compagnia aerea verranno sbloccati e messi a disposizione della compagnia solo se il volo ha rispettato gli orari stabiliti, entro il ritardo indicato nelle condizioni assicurative. Se il ritardo supera l’ora, il denaro torna all’acquirente. Lo SMART CONTRACT è dunque un programma informatico scritto in blockchain che garantisce la corretta esecuzione del contratto. Ma perché uno Smart Contract non può essere modificato o annullato? Semplice, perché la sua copia è presente su tutti i nodi della blockchain. Per essere più chiari… è come prendere un contratto, farn 1000 copie e distribuirle a 1000 persone diverse. Se ne modificassi uno, tutti gli altri si accorgerebbero che uno è stato manomesso e renderebbero invalida l’operazione. Sarebbe impossibile manomettere tutti e 1000 i contratti contemporaneamente, giusto? Questo è il concetto di registro distribuito.   3 - NOTARIZZAZIONE Oltre a trasferire denaro digitale e a gestire gli smart contract la blockchain serve anche a conferire paternità a un documento. Registrare un’opera di ingegno, un contratto, un certificato, un qualsiasi documento in blockchain ci dà garanzia assoluta che questo documento, per la stessa natura della blockchain diventa: immodificabile: non può essere corrotto o manomesso originale: il documento esiste ed è notarizzato e può essere ritrovato attraverso un codice che ci viene consegnato all’atto della registrazione, l’hash. paternità certa: il documento è di chi l’ha registrato in blockchain I documenti notarizzati in blockchain hanno effetto probatorio agli effetti della legge Italiana a seguito del Decreto Semplificazioni 2019 che riconosce i registri distribuiti e li definisce ed evidenzia come “l’utilizzo di tecnologie basate su blockchain produce gli effetti giuridici della validazione temporale elettronica di cui all’art. 41 del Regolamento UE n. 910/2014.” Facciamo un esempio concreto: se devo dimostrare l’originalità di un contratto che la controparte ho manomesso, e questo contratto è stato notarizzato in blockchain alla sua emissione, per il giudice sarà semplice darmi ragione. Basterà ricercare in internet l’hash con cui il documento originale è stato registrato in blockchain per averne una copia esatta. A questo punto l’originale è certamente quello legato all’hash, e il documento modificato non ha alcun valore.   Dove sono scritte le transazioni che avvengono sulla blockchain? Su un registro: pubblico: chiunque lo può consultare distribuito: come le 1000 copie del nostro Smart Contract di cui sopra immutabile:nessuno può cancellare le transazioni già scritte incorruttibile: nessuno può modificare né corrompere la transazione Nota bene: il tutto avviene senza necessità di passare tramite una banca o un intermediario che garantisca e certifichi le transazioni. Lo scambio di valore può avvenire direttamente tra due soggetti qualsiasi.   STAMPA CON NOTARIZZAZIONE IN BLOCKCHAIN Utax ha sviluppato, in partnership con un’azienda leader nel settore ID-Rfid, il primo multifunzione in grado di generare documenti notarizzati in blockchain all'atto della stampa. Restate sintonizzati perché vi racconteremo tutti i dettagli molto presto! Condividi Tags: blockchain registri distribuiti smart contract notarizzazione 19/04/2022 Sei un rivenditore? Visita Ok Magazine - il blog dedicato alla tua attività commerciale CERCA ARTICOLI Iscriviti alla newsletter Resta informato sulle novità dal mondo dell’ufficio Email Inserita Correttamente    In evidenza UIPLAN: ORGANIZZAZIONE DIGITALE PER LA P.M.I. Un'unica piattaforma per gestire il personale, organizzare il lavoro, prenotare le risorse condivise, scambiarsi file di grandi dimensioni, schedulare scadenze. DIGITALIZZAZIONE DELLE PICCOLE MEDIE IMPRESE Cosa significa digitalizzare e quali sono i vantaggi per una piccola media impresa GESTIRE IL PERSONALE NELLE P.M.I. Digitalizzare la gestione delle risorse umane è fondamentale. I vantaggi di una piattaforma in cloud per le P.M.I. In questo numero IL SOLE 24 ORE INTERVISTA UI INNOVATION Il Sole 24 Ore intervista il Direttore Generale di Ui Innovation Stefano Balsamo sul tema della ...[continua] LE ABILITA' PIU' RICHIESTE NEL MONDO DEL LAVORO Il trend attuale identifica alcune abilità che vengono valutate con molta attenzione dai datori di ...[continua] UIPLAN: ORGANIZZAZIONE DIGITALE PER LA P.M.I. Un'unica piattaforma per gestire il personale, organizzare il lavoro, prenotare le risorse ...[continua] DIGITALIZZAZIONE DELLE PICCOLE MEDIE IMPRESE Cosa significa digitalizzare e quali sono i vantaggi per una piccola media impresa[continua] [visualizza l'archivio notizie] Utax Social function mostraOK() { document.getElementById("ii").style.display="none"; document.getElementById("mail").style.display="none"; document.getElementById("ok").style.display="block"; } #cercahead { text-align:right; } #cercahead { display:block; text-align:right; width:100%; margin:0px; padding:0px; } #cercahead form { position:absolute; margin-top:-31px; display:block; margin-right:0px; width:100%; } #cercaright { } @media (max-width: 768px) { #cercaright {display:none;} #cercahead {display:block;} } @media (min-width: 769px) { #cercaright {display:block;} #cercahead {display:none;} }