Multifunzioni e stampanti UTAX

03/07/2022


Orange Monday

LE ABILITA' PIU' RICHIESTE NEL MONDO DEL LAVORO

LE ABILITA' PIU' RICHIESTE NEL MONDO DEL LAVORO

Il trend attuale identifica alcune abilità che vengono valutate con molta attenzione dai datori di lavoro in fase di reclutamento ma anche chi ha già un impiego è chiamato ad acquisire queste competenze.

ASCOLTA IL NOSTRO PODCAST

PODCAST UI - SOFT SKILLS.mp3

Il World Economic Forum ogni due anni compila un documento con le competenze più richieste dalle aziende che cercano personale.

Due anni fa, nel report “Future of Jobs” del 2020, il WEF aveva stimato che quasi il 50% della forza lavoro globale avrebbe richiesto una riqualificazione nei successivi cinque anni. Questo principalmente a causa del cambiamento innescato dall’avvento della pandemia e dal conseguente aumento dell’automazione nel mondo del lavoro.

In questo Orange Monday andiamo ad analizzare quali sono le competenze più richieste dai datori di lavoro entro il 2025.

Le soft skills protagoniste

Fra le competenze più richieste al primo posto le cosiddette soft skills ovvero quelle competenze trasversali e abilità personali che derivano dalla personalità e dall’attitudine e solo in parte dall’esperienza e da un percorso scolastico specifico. Eccole nei dettagli:

Progetto senza titolo (5)

1. Pensiero analitico

Questa abilità si traduce nella capacità di identificare le sfide e implementare soluzioni innovative, anche precorrendo i tempi. In altre parole, significa riuscire ad analizzare qualsiasi situazione, comprendere i nessi causali e le interconnessioni e utilizzarli a proprio vantaggio.

2. Adattabilità al cambiamento

Essere in grado di porsi in modo propositivo rispetto ai cambiamenti è essenziale perché la velocità con la quale il mondo del lavoro si muove è molto maggiore oggi che non vent’anni fa e lo sarà sempre più in futuro.

3. Apprendimento attivo

E’ la capacità di cercare autonomamente opportunità di formazione e crescita, al di fuori dei percorsi aziendali ufficiali. In altre parole, la curiosità e la volontà di esplorare nuovi ambiti di conoscenza è un valore aggiunto importante nel proprio lavoro.

4. Problem Solving

Non sorprende che il problem solving, ovvero quell’attitudine alla risoluzione dinamica e propositiva dei problemi sia una risorsa che i datori di lavoro valutano come fondamentale durante il reclutamento. I problemi che si affrontano sul posto di lavoro sono sempre più complessi e avere dei collaboratori responsabili e abili ad analizzare i problemi da più angolazioni e risolverli in autonomia è un valore enorme per l’azienda.  

5. Pensiero critico

Strettamente interconnesso al problem solving è il pensiero critico, ovvero la capacità di comprendere i fatti, analizzare i dati a disposizione e quindi raggiungere la soluzione più logica. A volte il pensatore critico esce dagli schemi giungendo a proporre soluzioni che non sono state pensate in precedenza. L’audacia di questo modo di pensare è la chiave per innovare, in ogni organizzazione.

6. Creatività, spirito di iniziativa

L’immaginazione e la creatività sono risorse che vengono sempre più prese in considerazione. I dipendenti creativi e originali sono solitamente abili nel lavoro di squadra perché hanno desiderio di portare sperimentazione e positività.

7. Resilienza

A seguito degli eventi mondiali che hanno influenzato la vita personale e lavorativa di milioni di persone in tutto il mondo, la capacità di affrontare qualsiasi nuova situazione e di superarla coraggiosamente è diventata una competenza indispensabile. In parole povere, i datori di lavoro valutano la resilienza come una delle abilità principali nel reclutamento.

8. Tolleranza allo stress

Rimanere calmi sotto pressione e non lasciarsi sopraffare dallo stress non è mai stato così vitale. In un mondo in rapida evoluzione, i datori di lavoro stanno sempre più assumendo lavoratori che si adattano alle situazioni, capaci di gestire lo stress.

E i lavoratori cosa valutano in un datore di lavoro?

Sui social media è possibile acquistare follower a pagamento, nella realtà non si può fare. La vera influenza sociale deriva dalla costruzione di una reputazione e di relazioni di valore nel tempo. Un leader si guadagna il rispetto con tempo e fatica, oltre che con una buona dose di carisma e abilità comunicative. Ma il risultato finale permette di creare un contesto lavorativo stimolante per sé e per gli altri.

Progetto senza titolo (8)

Soft skills: come stare al passo con il lavoro del futuro?

Attenzione: Le soft skills non coinvolgono soltanto chi è in cerca di un’occupazione ma anche chi un lavoro ce l’ha già.

Sempre nel report “Future of Jobs” si stima che circa il 40% dei lavoratori impiegherà meno di sei mesi per apprendere nuove skills.

Se è difficile che un individuo abbia tutte queste abilità contemporaneamente, è però possibile coltivarle in modo graduale, anche frequentando corsi e training.

Il processo di apprendimento non si esaurisce ma diventa permanente e continuativo. Come si diceva una volta, nella vita gli esami non finisco mai.

In conclusione, per essere sempre sul pezzo, è importante reinventarsi costantemente, adattando il proprio approccio al lavoro e impegnandosi a coltivare le proprie capacità unicamente umane.

09/05/2022

Sei un rivenditore?


Visita Ok Magazine - il blog dedicato alla tua attività commerciale


CERCA ARTICOLI


Iscriviti alla newsletter


Resta informato sulle novità dal mondo dell’ufficio


In evidenza


IL SOLE 24 ORE INTERVISTA UI INNOVATION

IL SOLE 24 ORE INTERVISTA UI INNOVATION

Il Sole 24 Ore intervista il Direttore Generale di Ui Innovation Stefano Balsamo sul tema della digitalizzazione e su come la nostra azienda interpreta l'ufficio del futuro


UIPLAN: ORGANIZZAZIONE DIGITALE PER LA P.M.I.

UIPLAN: ORGANIZZAZIONE DIGITALE PER LA P.M.I.

Un'unica piattaforma per gestire il personale, organizzare il lavoro, prenotare le risorse condivise, scambiarsi file di grandi dimensioni, schedulare scadenze.


DIGITALIZZAZIONE DELLE PICCOLE MEDIE IMPRESE

DIGITALIZZAZIONE DELLE PICCOLE MEDIE IMPRESE

Cosa significa digitalizzare e quali sono i vantaggi per una piccola media impresa


In questo numero


GLI N.F.T. (NON FUNGIBLE TOKEN) CONQUISTANO I GRANDI BRAND

Popolarissimi eppure ancora sconosciuti ai più, i non fungible token (NFT) stanno conquistando la ...[continua]


CONDIVIDERE FILE IN MODO SICURO CON UI-SHARE

I sistemi gratuiti di file sharing possono avere qualche criticità, ma scambiare file di grandi ...[continua]


NEWSLETTER RADIOCOR il Sole 24 Ore su UTAX ITALIA

Radiocor, agenzia stampa de Il Sole 24 ore, pubblica una newsletter dal titolo "Imprese e ...[continua]


LEASING O NOLEGGIO? I NUOVI TREND

Andamento del mercato del noleggio operativo e leasing strumentale nel post-pandemia[continua]


Utax Social

Linkedin Facebook Instagram Youtube Channel

03/07/2022 Orange Monday LE ABILITA' PIU' RICHIESTE NEL MONDO DEL LAVORO Il trend attuale identifica alcune abilità che vengono valutate con molta attenzione dai datori di lavoro in fase di reclutamento ma anche chi ha già un impiego è chiamato ad acquisire queste competenze. Condividi ASCOLTA IL NOSTRO PODCAST PODCAST UI - SOFT SKILLS.mp3 Il World Economic Forum ogni due anni compila un documento con le competenze più richieste dalle aziende che cercano personale. Due anni fa, nel report “Future of Jobs” del 2020, il WEF aveva stimato che quasi il 50% della forza lavoro globale avrebbe richiesto una riqualificazione nei successivi cinque anni. Questo principalmente a causa del cambiamento innescato dall’avvento della pandemia e dal conseguente aumento dell’automazione nel mondo del lavoro. In questo Orange Monday andiamo ad analizzare quali sono le competenze più richieste dai datori di lavoro entro il 2025. Le soft skills protagoniste Fra le competenze più richieste al primo posto le cosiddette soft skills ovvero quelle competenze trasversali e abilità personali che derivano dalla personalità e dall’attitudine e solo in parte dall’esperienza e da un percorso scolastico specifico. Eccole nei dettagli: 1. Pensiero analitico Questa abilità si traduce nella capacità di identificare le sfide e implementare soluzioni innovative, anche precorrendo i tempi. In altre parole, significa riuscire ad analizzare qualsiasi situazione, comprendere i nessi causali e le interconnessioni e utilizzarli a proprio vantaggio. 2. Adattabilità al cambiamento Essere in grado di porsi in modo propositivo rispetto ai cambiamenti è essenziale perché la velocità con la quale il mondo del lavoro si muove è molto maggiore oggi che non vent’anni fa e lo sarà sempre più in futuro. 3. Apprendimento attivo E’ la capacità di cercare autonomamente opportunità di formazione e crescita, al di fuori dei percorsi aziendali ufficiali. In altre parole, la curiosità e la volontà di esplorare nuovi ambiti di conoscenza è un valore aggiunto importante nel proprio lavoro. 4. Problem Solving Non sorprende che il problem solving, ovvero quell’attitudine alla risoluzione dinamica e propositiva dei problemi sia una risorsa che i datori di lavoro valutano come fondamentale durante il reclutamento. I problemi che si affrontano sul posto di lavoro sono sempre più complessi e avere dei collaboratori responsabili e abili ad analizzare i problemi da più angolazioni e risolverli in autonomia è un valore enorme per l’azienda.   5. Pensiero critico Strettamente interconnesso al problem solving è il pensiero critico, ovvero la capacità di comprendere i fatti, analizzare i dati a disposizione e quindi raggiungere la soluzione più logica. A volte il pensatore critico esce dagli schemi giungendo a proporre soluzioni che non sono state pensate in precedenza. L’audacia di questo modo di pensare è la chiave per innovare, in ogni organizzazione. 6. Creatività, spirito di iniziativa L’immaginazione e la creatività sono risorse che vengono sempre più prese in considerazione. I dipendenti creativi e originali sono solitamente abili nel lavoro di squadra perché hanno desiderio di portare sperimentazione e positività. 7. Resilienza A seguito degli eventi mondiali che hanno influenzato la vita personale e lavorativa di milioni di persone in tutto il mondo, la capacità di affrontare qualsiasi nuova situazione e di superarla coraggiosamente è diventata una competenza indispensabile. In parole povere, i datori di lavoro valutano la resilienza come una delle abilità principali nel reclutamento. 8. Tolleranza allo stress Rimanere calmi sotto pressione e non lasciarsi sopraffare dallo stress non è mai stato così vitale. In un mondo in rapida evoluzione, i datori di lavoro stanno sempre più assumendo lavoratori che si adattano alle situazioni, capaci di gestire lo stress. E i lavoratori cosa valutano in un datore di lavoro? Sui social media è possibile acquistare follower a pagamento, nella realtà non si può fare. La vera influenza sociale deriva dalla costruzione di una reputazione e di relazioni di valore nel tempo. Un leader si guadagna il rispetto con tempo e fatica, oltre che con una buona dose di carisma e abilità comunicative. Ma il risultato finale permette di creare un contesto lavorativo stimolante per sé e per gli altri. Soft skills: come stare al passo con il lavoro del futuro? Attenzione: Le soft skills non coinvolgono soltanto chi è in cerca di un’occupazione ma anche chi un lavoro ce l’ha già. Sempre nel report “Future of Jobs” si stima che circa il 40% dei lavoratori impiegherà meno di sei mesi per apprendere nuove skills. Se è difficile che un individuo abbia tutte queste abilità contemporaneamente, è però possibile coltivarle in modo graduale, anche frequentando corsi e training. Il processo di apprendimento non si esaurisce ma diventa permanente e continuativo. Come si diceva una volta, nella vita gli esami non finisco mai. In conclusione, per essere sempre sul pezzo, è importante reinventarsi costantemente, adattando il proprio approccio al lavoro e impegnandosi a coltivare le proprie capacità unicamente umane. Condividi Tags: lavoro recruitment candidati world economic forum soft skills 09/05/2022 Sei un rivenditore? Visita Ok Magazine - il blog dedicato alla tua attività commerciale CERCA ARTICOLI Iscriviti alla newsletter Resta informato sulle novità dal mondo dell’ufficio Email Inserita Correttamente    In evidenza IL SOLE 24 ORE INTERVISTA UI INNOVATION Il Sole 24 Ore intervista il Direttore Generale di Ui Innovation Stefano Balsamo sul tema della digitalizzazione e su come la nostra azienda interpreta l'ufficio del futuro UIPLAN: ORGANIZZAZIONE DIGITALE PER LA P.M.I. Un'unica piattaforma per gestire il personale, organizzare il lavoro, prenotare le risorse condivise, scambiarsi file di grandi dimensioni, schedulare scadenze. DIGITALIZZAZIONE DELLE PICCOLE MEDIE IMPRESE Cosa significa digitalizzare e quali sono i vantaggi per una piccola media impresa In questo numero GLI N.F.T. (NON FUNGIBLE TOKEN) CONQUISTANO I GRANDI BRAND Popolarissimi eppure ancora sconosciuti ai più, i non fungible token (NFT) stanno conquistando la ...[continua] CONDIVIDERE FILE IN MODO SICURO CON UI-SHARE I sistemi gratuiti di file sharing possono avere qualche criticità, ma scambiare file di grandi ...[continua] NEWSLETTER RADIOCOR il Sole 24 Ore su UTAX ITALIA Radiocor, agenzia stampa de Il Sole 24 ore, pubblica una newsletter dal titolo "Imprese e ...[continua] LEASING O NOLEGGIO? I NUOVI TREND Andamento del mercato del noleggio operativo e leasing strumentale nel post-pandemia[continua] [visualizza l'archivio notizie] Utax Social function mostraOK() { document.getElementById("ii").style.display="none"; document.getElementById("mail").style.display="none"; document.getElementById("ok").style.display="block"; } #cercahead { text-align:right; } #cercahead { display:block; text-align:right; width:100%; margin:0px; padding:0px; } #cercahead form { position:absolute; margin-top:-31px; display:block; margin-right:0px; width:100%; } #cercaright { } @media (max-width: 768px) { #cercaright {display:none;} #cercahead {display:block;} } @media (min-width: 769px) { #cercaright {display:block;} #cercahead {display:none;} }